Processo Tributario Telematico: valide le notifiche con Pec

La CTR Lombardia, con la sentenza n. 5082 del 5 dicembre 2017, ha stabilito che la notifica dell’appello a mezzo Pec, intervenuta prima dell’entrata in vigore del processo tributario telematico non è inesistente, in quanto la costituzione in giudizio del contribuente sana la notifica effettuata tramite Pec.

Nel caso di specie, Equitalia Servizi di Riscossione S.p.A. (oggi Agenzia delle Entrate Riscossione) impugnava la sentenza della CTP di Milano che aveva accolto un ricorso dove veniva eccepita l’illegittimità degli avvisi di intimazione per la mancata notifica degli atti presupposti, in quanto la notifica telematica era avvenuta nel mese di gennaio 2017, quindi prima che in Lombardia entrasse in vigore il processo tributario telematico, avvenuto il 15 aprile 2017.

In attesa, comunque, che venga confermato tale principio giurisprudenziale, va rilevato che la Corte di Cassazione ha più volte affermato che le notifiche compiute con Pec, quando ancora non era operativo il processo tributario telematico, sono giuridicamente inesistenti e, di conseguenza, non sanabili.

LEGGI LA SENTENZA

 

 

Precedente Corte di Cassazione - Ordinanza n. 1098 del 18 gennaio 2018 Successivo Corte di Cassazione - Sentenza n. 1302 del 19 gennaio 2018