Inammissibile la notifica a mezzo pec anche se accettata a pochi secondi dalla scadenza

Con l’ordinanza n. 7159 del 13 marzo 2020, la Corte di Cassazione precisa che è inammissibile il ricorso notificato telematicamente, anche se la pec viene accettata dal sistema pochi secondi dopo la scadenza dell’ultimo giorno utile.

Infatti, in tema di notificazione con modalità telematiche, il D.L. n. 179/2012, all’art. 16 septies, stabilisce che la notificazione richiesta con rilascio della ricevuta di accettazione dopo le ore 21.00, si perfeziona alle ore 7.00 del giorno successivo.

LEGGI L’ORDINANZA

 

Precedente Corte di Cassazione - Ordinanza n. 7159 del 13 marzo 2020 Successivo Notifiche e compiuta giacenza: stop fino al 30 aprile