Nulla la notifica effettuata all’indirizzo “Seguimi” di Poste

E’ nulla la notificazione degli avvisi di accertamento, compiuta in violazione dell’art. 60 D.P.R. n. 600 del 1973, né può reputarsi sanata dal raggiungimento dello scopo in mancanza di elementi atti a far ritenere che i plichi siano stati comunque consegnati al contribuente.
E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 31479 del 3 dicembre 2019. Nella motivazione, si legge tra l’altro che “… Al contrario, l’attivazione del servizio “seguimi” non assume alcuna rilevanza giuridica ai fini della validità delle notificazioni, né l’indicazione di un indirizzo al quale recapitare la corrispondenza può assurgere ad elezione di domicilio ai sensi della lett. d) dell’art. 60 citato, difettando i requisiti formali prescritti dalla citata disposizione. …

LEGGI L’ORDINANZA

 

Precedente Corte di Cassazione - Ordinanza n. 31480 del 3 dicembre 2019 Successivo Corte di Cassazione - Ordinanza n. 31637 del 4 dicembre 2019